Mascali. Vicino Catania. Questo è il legame etimologico che c’è tra una delle bacche più belle e fini d’Italia e le sue radici.

    Il Nerello Mascalese è il re dell’Etna, da anni è alle pendici di uno dei vulcani più belli, attivi e caratteristici del mondo.

    E’ infatti uno dei principali vitigni utilizzato nella denominazione Etna DOC.

    Le sue caratteristiche sono la finezza ed eleganza.

    E’ una bacca che dà vita ad un vino di medio corpo, vellutato, minerale,acidità leggermente spiccata e tannino di velluto.

    Sono invece spiccati i toni balsamici,officinali e di macchia mediterranea.

    L’Etna rosso non è un vino tutto muscoli, marmellatoso, fruttato e dall’alto residuo zuccherino.

    I sentori di frutta sono sottili, non invadenti e note erbacee, speziate e di fiori apportano ulteriore eleganza.

    L’eleganza insita del nerello mascalese nasce dalla presenza di minerali e ossidiana, dalla lava presente a strati e dalle tantissime escursioni termiche a cui i vigneti, che arrivano anche a 1000 mt slm, sono esposti. Quindi il vino diventa affilato, pungente e l’escursione termica tra giorno e notte, non fa altro che enfatizzare la freschezza aromatica del vitigno.

    Oggi, la maggior parte dei vignaioli dell’Etna, propende per il sistema ad alberello, più pratico da gestire e quello che permette anche una buona concentrazione dei ceppi mentre, negli anni addietro, i vigneti toccavano il suolo e la resa per ettaro era altissima, dando così vita a vini rustici, torbidi e impenetrabili.

    Dopo tutti questi anni di progresso, ma potremmo definirlo di presa di coscienza e delle potenzialità del proprio territorio, ad oggi il Nerello Mascalese è uno dei vini rossi italiani più affascinanti, particolari e dotati di eleganza.

    Il bouquet

    Piccoli frutti rossi, terra, liquirizia, ciliegie sotto spirito e poi arriva la spinta minerale pazzesca, i tratti balsamici con anice, eucalipto e menta, spezie leggere e finale etereo. È pura poesia.

    Poesia di vite, vigna, sole che brucia, sale e iodio, luna piena, panorami mozzafiato e un vulcano che sbuffa.

    Pin It on Pinterest