Carlo Boffa
    Barbaresco Pajè
    DOCG Barbaresco – Piemonte – Barbaresco
    100% Nebbiolo

     

    Siamo a Barbaresco, qui le vigne di Nebbiolo sono impiantate tra i 180 e 340 m.s.l.m.

    Il piccolissimo Cru dove Carlo Boffa produce il suo Barbaresco, è una delle menzioni più piccole di Barbaresco ed è anche uno dei più centrali.
    E’ una piccola lingua di terra (di appena 1,83) esposta a Sud Ovest.
    Pajè ha un suolo molto ricco in marne calcaree (ma l’intero territorio del Barbaresco comunque è quasi tutto di tipo argilloso).
    È uno dei cru che più risente della vicinanza col fiume Tanaro, e ciò garantisce non solo vini più minerali e freschi, ma sopratutto molto più pronti rispetto ai suoi vicini di casa.
    Le vigne in tutta la zona sono coltivate quasi esclusivamente a guyot basso (credo solo quelle di Gaja si differiscono)

    Barbaresco Paje 2015

     

    Agli occhi: Un amaranto che incanta e vi assicuro che di colori così (al momento) ne ho visti ben pochi.•

    Al naso: Ci vuole un po’ per sprigionare quanto di complesso questa bottiglia gelosamente custodiva. Ma appena lo fa il naso si emoziona. E’ Quasi imbarazzante la complessità e così i ricordi della mente spazziano dai più variegati terziari del balsamico, dell’erba bagnata, dell’anice stellato e poi ritornano all’unisono ai primari, ai frutti di bosco succosi alla violetta.

    14° e non sentirli

    Alla bocca:Un sorso tagliente, l’acidita taglia letteralmente il palato, le dolcezze di quella polpa matura rossa sono smorzate da una freschezza che rimane bella impressa al palato. Bilanciato alla perfezione. Tannini “vispi” e il palato si assesta in un velluto impressionante, perché altro aggettivo non è utilizzabile. Persistenza speziata lunghiiiiiiisssima!!!

    Titti e Carlo Boffa ..l’inizio di un lungo amore

     

    Azienda Vitivinicola Boffa Carlo

    Via Torino, 17 –  12050 Barbaresco (CN)

    www.boffacarlo.it

    Federico Staderini, mani e cuore di Cuna

    Federico Staderini, mani e cuore di Cuna

    A Pratovecchio, in provincia di Arezzo cresce un vitigno autoctono arcaico e ormai dimenticato: l’abrostine. Sembra un nome inventato, poco conosciuto e soprattutto così poco pronunciato, ma si tratta di un’antica varietà etrusca, nata dalla domesticazione della vitis...

    leggi tutto
    Le P’tit Domaine  “Les Bonneveaux” 2016

    Le P’tit Domaine “Les Bonneveaux” 2016

    Il Cabernet franc della Loira, un nuovo vigneron da tenere d’occhio, allievo dei mitologici fratelli Focault, proprietari dell’inarrivabile Clos Rougeard, arrivato ormai a prezzi inacessibili, con le P’etit Domaine si arriva a sfiorare quel ricordo mitologico e che regala una grandissima beva. Un cabernet franc tutto frutto ed eleganza

    leggi tutto

    Pin It on Pinterest